• English
  • Italiano

150 anni di Azione cattolica

Versione stampabile
Il 40° della Gf nel 1958 a Roma
1 Aprile 2017 - 1 Dicembre 2018
L’Isacem, per il 2017-2018, ha sviluppato un progetto di ricerca per approfondire la storia dell’Azione cattolica italiana nel 150° anniversario della fondazione, avvenuta nel 1867, prima di ricevere l’approvazione formale l’anno successivo. Il progetto di ricerca si articola in varie tappe lungo il biennio, per restituire un quadro complessivo della parabola storica della più antica e radicata associazione del mondo cattolico.
La prima tappa prevede un Seminario di studi interno, che si terrà a Milano nell’estate del 2017, coinvolgendo studiosi di differente area culturale e scuola scientifica, per mettere a fuoco, in un sondaggio a tutto campo, lo stato degli studi e le risultanze delle ricerche a cui è approdata fino a oggi la storiografia.
La seconda tappa sfocerà nel convegno Una storia lunga centocinquant'anni. L'Azione cattolica nella vita del paese, programmato a Bologna per l’8 settembre 2017. I lavori prevedono l’approfondimento dei punti nodali della storia dell’Azione cattolica italiana, per far emergere le peculiarità del contributo offerto alla vita del Paese nei suoi centocinquant’anni di storia.
La terza tappa avrà come appuntamento pubblico un Convegno, fissato ad Assisi il 29-30 gennaio 2018, per far emergere le peculiarità del contributo offerto alla vita della Chiesa nei centocinquant’anni di storia dell’Azione cattolica italiana, approfondendo, in particolare, il ruolo degli assistenti.
La quarta tappa è incentrata sulla declinazione del tema «Azione cattolica e azione politica»: centocinquant'anni di impegno, che verrà messo a fuoco nel Convegno, promosso dall'Istituto Vittorio Bachelet, in collaborazione con l'Isacem, che si terrà a Roma il 9-10 febbraio 2018.
La quinta tappa prevede un Convegno da tenere a Milano il 16 marzo 2018, in collaborazione con l’Università Cattolica, sulla storia dell’educazione nell’Azione cattolica italiana.
La sesta tappa si articolerà in una serie di convegni interregionali messi in cantiere tra aprile e settembre del 2018, per sondare la storia dell’associazione nel suo radicamento territoriale, attraverso la presentazione di ricerche specifiche sui contesti locali.
La tappa conclusiva si incentrerà su un Convegno, programmato a Roma il 6-7 dicembre 2018, per portare a sintesi i risultati delle molteplici ricerche presentate lungo il percorso di studio.
Il progetto prevede anche l’approntamento di alcuni strumenti di carattere divulgativo. Dal 28 aprile al 1° maggio è stata allestita presso la Domus Pacis di Roma la mostra «Farsi riconoscere ovunque». 150 anni di segni distintivi dell’Azione cattolica italiana, che ripercorre la storia dell’associazione attraverso i simboli d’identificazione. Sono esposti bandiere, labari, cimeli e una ricca collezione di distintivi da fine Ottocento ad oggi, in un percorso introdotto da pannelli esplicativi che aiutano a cogliere, sotto un altro angolo visuale, la vicenda storica dell’Azione cattolica italiana.
Inoltre, è stata predisposta una guida per visitare i luoghi di Roma dove, nel corso dei centocinquanta anni di storia dell’associazione, si sono celebrate le ricorrenze anniversarie.
La proposta complessiva si arricchirà anche con la pubblicazione di una serie di volumi. La prima uscita presso l’Ave è «Farsi riconoscere ovunque». 150 anni di segni distintivi dell’Azione cattolica italiana, a cura di Simona Ferrantin e Paolo Trionfini, che ripercorre la parabola storica dell’associazione attraverso i simboli d’identificazione (distintivi, bandiere, labari), utilizzati da soci e militanti dalle origini fino a oggi. Un’ampia introduzione ricostruisce i passaggi di questa suggestiva storia, per far cogliere il significato dei segni distintivi, che sono riproposti attraverso un’accurata selezione di riproduzioni suddivise in cinque sezioni.